2.jpg
TVCC
PDF Stampa E-mail

TVCC

L’impianto a circuito chiuso comunemente chiamato “TVCC” si compone di un dispositivo di registrazione ed una o più telecamere per la ripresa video.

Il videoregistratore denominato “DVR” o NVR” permette la registrazione delle immagini, la loro elaborazione, e l’eventuale trasmissione su rete dati per la visione remota su PC, tablet e smartphone.

DVR - il dispositivo capace di gestire un determinato numero di telecamere rigorosamente analogiche e registra le immagini su un disco, come di quelli utilizzati per PC, e risiede in modo permanente all’interno della macchina; il dispositivo può effettuare elaborazione più o meno sofisticate sulle immagini (dipende dal tipo di macchina e dalla qualità), come la rilevazione di movimento nell’immagine ripresa con le quali può attivare un dispositivo di segnalazione.

NVR - E’ la nuova generazione di sistemi di registrazione che permette di ricevere immagini da telecamere analogiche e digitali, permette un elaborazione maggiore delle immagini e riesce a gestire immagini ad alta risoluzione. Questi sistemi hanno dei hard disk (come i DVR) all’interno, ma di solito hanno sistemi per la duplicazione delle registrazioni o registrare le immagini su dispositivi esterni anche lontani fisicamente da loro.

PC - Esistono infine software da installare su computer, che hanno il vantaggio di poter gestire con enorme flessibilità il flusso di immagini che arrivano dalle telecamere, ed effettuare elaborazioni molto sofisticate ( come il riconoscimento facciale, la mancanza o l’aggiunta di un oggetto nell’area ripresa, il conteggio di persone, o il superamento di un confine, ecc.). Anche in questo caso il sistema registra su hard disk interni oppure esterni o contemporaneamente su entrambi.

Telecamere - Le telecamere si suddividono in telecamere analogiche e digitali (chiamate anche IP).

Le telecamere analogiche possono essere fisse (l’area di ripresa una volta installata la telecamera rimane sempre la stessa e può essere movimentata solo manualmente), oppure brandeggiabili (la telecamera è motorizzata e permette di essere movimentata da remoto tramite tastiere apposite o tramite i DVR, NVR o PC e/o tramite i loro software da PC remoti; anche lo zoom della telecamera può essere variato a piacere). La qualità di questi dispositivi variano notevolmente sia qualitativamente che di costi, per cui per orientarsi su quali tipologia orientarsi bisogna valutare attentamente l’area da riprendere. Di solito una telecamera analogica per avere buoni dettagli dovrebbe riprendere un’area massima di 4x3 metri circa.

Le telecamere digitali hanno il vantaggio di avere livelli di risoluzione molto più elevati rispetto ad una telecamera analogica ( anche 20 volte maggiore) e permette una maggior flessibilità di gestione da remoto e più utenti contemporaneamente. Anche la realizzazione di grossi impianti risulta più economica di un impianto analogico e con drastiche riduzione dei consumi energetici. Lo svantaggio al momento è il costo e la loro minor sensibilità in condizioni di poca illuminazione (le telecamere analogiche riesco a fornire un’immagine decente anche con pochissima luce o al buio per un essere umano).

Possiamo fornire la realizzazione di impianti sia analogici, digitali o misti e realizzare sistemi personalizzati e/o integrati con applicazioni domotiche. La nostra esperienza e conoscenza si espande anche alle reti dati e alla configurazione di questi sistemi, delle comunicazioni tramite internet sia esso filare che via GPRS o HDSPA, e anche della configurazione dei PC o la realizzazione di centri di supervisione degli impianti; la conoscenza delle reti e dell’informatica ci permette di fornire al cliente finale un lavoro completo e definitivo, consegnando al cliente l’intero sistema funzionante. Questo risulta un grosso vantaggio in termini economici e di tempo in caso di malfunzionamento di una parte del sistema avendo come referente un’unica figura.